Tenta estorsione: arrestato il giovane nipote del boss Moretti

Tentata estorsione e porto illegale di arma comune da sparo con matricola abrasa. Con queste accuse è stato arrestato Samuele Perdonò, pregiudicato foggiano, classe’98, figlio del nipote di Rocco Moretti, esponente di primissimo piano della società foggiana.
L’arresto è avvenuto al termine di una attività investigativa, scaturita dalla presenza di un uomo che con insistenza chiedeva in un esercizio commerciale della città, di poter parlare con il titolare. Gli agenti, temendo potesse trattarsi di un tentativo di estorsione da parte di pregiudicati locali, hanno prolungato l’attività di osservazione. E nella tarda mattinata è arrivato a chiedere denaro proprio il giovanissimo Samuele Perdonò, subito bloccato dagli agenti e tratto in arresto.

t.guer.

Condividi sui Social!