Manfredonia, Riccardi mollato dal PD conferma dimissioni

Angelo Riccardi conferma le sue dimssioni da sindaco di Manfredonia, protocollate sabato scorso dopo che aveva constatato di non avere più una maggioranza compatta e qualificata. Questa mattina ai microfoni del Tg Blu ha ribadito di non voler fare nessun passo indietro, a maggior ragione all’indomani di una direzione del Partito Democratico che ha accettato le dimissioni senza chiedere al sindaco di tornare sui suoi passi. In poche parole il PD, partito in cui ha sempre militato Riccardi, lo ha mollato. Cosa farà ora Riccardi? Continuerà ad essere un uomo del PD o sta pensando di cambiare aria. Lo sapremo ben presto. Anche il parlamentare Michele Bordo e il consigliere regionale, Paolo Campo, da sempre amici stretti di Riccardi, pare che questa volta non hanno minimamente sostenuto il loro amico. E così l’attuale presidente del Consorzio Asi di Foggia, ha preso atto della situazione. Evidentemente si aspettava un atteggiamento diverso dal suo partito. Così non è stato. “La mia esperienza anmministrativa si è chiusa, e si è chiusa con una serie di difficoltà rispetto al governo della città. Tutte le altre considerazioni sono fuori luogo”.

Saverio Serlenga

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Condividi sui Social!