Luca Carboni il 10 maggio in concerto a Cagnano Varano

Per molti è l’inventore dell’itpop italiano, il filone indie che uscito dalla nicchia è diventato mainstream invadendo palazzetti e stadi all’insegna del sold out. Non in questi ultimi anni, ma addirittura a metà degli ’80, quando i suoi testi sempre sospesi tra ironia, dolcezza e malinconia, abbinati a musica elettronica e decisamente pop, hanno fatto emergere e brillare nel panorama nazionale una nuova figura di cantautore, più concentrata su una dimensione intimistica eppure generazionale.

Luca Carboni ha passato già da sette anni la fatidica boa dei 50, eppure in particolare con gli ultimi due lavori, Pop Up e Sputnik, ha ripreso in chiave ancora più contemporanea il cammino iniziato con gli splendidi album d’esordio, ‘E intanto Dustin Hoffman non sbaglia un film’ e ‘Forever’. Ha valorizzato e collaborato con artisti diventati oggi di grande successo (Tommaso Paradiso con cui ha scritto ‘Luca lo stesso’, Calcutta con cui è nata ‘Io non voglio’, Giorgio Poi autore del brano ‘Prima di partire’, Lo Stato sociale con cui ha duettato in ‘Facile’, sono per citarne qualcuno), e non è un caso che nel Mi-Ami Festival di Milano in programma dal 24 al 26 maggio prossimo, nel quale verrà idealmente schierata tutta la nouvelle vague italiana, è l’unico ‘over’ invitato. E giovanissimi sono anche i fans che lo seguono in concerto, insieme alle generazioni più adulte che hanno avuto una delle sue canzoni come colonna sonora di momenti ed emozioni impossibili da dimenticare.

L’ultimo, fortunato  Sputnik Tour, partito nell’autunno dello scorso anno e che ha avuto due segmenti, il primo nei club e il secondo nei teatri, avrà un’appendice estiva all’aperto, e la data zero di uno spettacolo in continuo cambiamento, nella scaletta e negli effetti scenici, sarà in provincia di Foggia, a Cagnano Varano, il prossimo 10 maggio (l’annuncio è arrivato direttamente dalla sua pagina facebook). Un concerto gratuito in piazza Giannone, un grande e graditissimo regalo per chi non ha mai smesso di seguire o ha da poco scoperto il cantautore bolognese lanciato giovanissimo da Lucio Dalla e Gaetano Curreri, ma capace poi di seguire un proprio personalissimo percorso, lasciando un’impronta nella musica italiana.

(Claudio Botta)

 

Condividi sui Social!