Il Patto Puglia va, 636 milioni per la Capitanata

 Il Patto per la Puglia va avanti e prevede lo stanziamento di risorse complessive pari a 5,7 miliardi di euro, di cui 2,071 miliardi di euro le risorse aggiuntive a valere sul Fondo di Sviluppo e Coesione 2014-2020 (3,5 miliardi di euro riguardano una parte delle risorse già programmate a valere sul Programma comunitario POR Puglia 2014-2020).  Il Patto finanzia  47 azioni suddivise nelle seguenti aree tematiche:  Infrastrutture(776.335.364 euro), con specifico riferimento agli interventi nel campo ferroviario e stradale; Ambiente (505.300.000 euro), tra cui interventi per il rafforzamento della gestione integrata delle risorse idriche e dei rifiuti, della difesa del suolo, del potenziamento delle infrastrutture dei Consorzi di bonifica; Sviluppo economico e produttivo (346.897.669 euro), con particolare riferimento agli aiuti agli investimenti produttivi, alla qualificazione delle aree di insediamento produttivo ed alle infrastrutture turistiche;  Turismo, cultura e valorizzazione delle risorse naturali       (165.000.000 euro), tra cui le attività a sostegno del settore cultura e per la rigenerazione urbana e territoriale;  Occupazione, inclusione sociale, lotta alla povertà, istruzione e formazione (220.238.537 euro) con specifico riferimento alle azioni di formazione, di inclusione sociale e di sostegno all’occupazione. 

Diverse le opere previste in Capitanata per un totale di 636 milioni da investire nell’ambito del Fondo di Sviluppo e Coesione: la Piattaforma Logistica ferroviaria integrata retro portuale Incoronata-Foggia ( 40 milioni di euro); il treno tram Foggia-Manfredonia ( 50 milioni di euro); l’Orbitale di Foggia II Lotto (10 milioni); la Tangenziale Est di San Severo ( 20 milioni); la strada provinciale 109 Lucera-San Severo ( 10 milioni); la Sp 28 Pedegarganica  (6 milioni); la Sp 77 Manfredonia-Cerignola (5 milioni); la Sp 130 Lucera-Alberona ( 6,5 milioni di euro); la Sp 141 Manfredonia-Zapponeta ( 9 milioni di euro). Ed ancora 30 milioni per la messa in sicurezza di alcune arterie dei Monti Dauni.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Condividi sui Social!