Giallo al carcere di Foggia: morte sospetta di un detenuto di Cerignola

CARCERE DI FOGGIA

Giallo al carcere di Foggia dopo la morte sospetta di un detenuto di Cerignola avvenuta a fine febbraio. Matteo Curci, 56 anni, che stava scontando una pena per alcuni reati, tra cui furto ed estorsione, ha accusato un mal di denti e ha chiesto di farsi medicare nell’infermeria dell’istituto di pena dauno. Mentre era in infermeria il detenuto ha avuto un collasso ed è morto. Sull’accaduto la procura di Foggia ha aperto una inchiesta disponendo anche l’autopsia che dovrà chiarire le cause del decesso ed eventuali responsabilità.  Curci, descritto come un detenuto modello, era in buona salute e non soffriva apparentemente di alcun male. Nei prossimi giorni gli investigatori sentiranno anche i detenuti con cui Curci condivideva la cella alla ricerca di qualche elemento utile alle indagini per far chiarezza su una morte che, al momento, appare strana. (lp)

Condividi sui Social!