Ferimento via Sbano: arrestato 23enne, incastrato dalle immagini della videosorveglianza

Nella serata di sabato scorso  verso le ore 19.15 giungeva segnalazione che in  via  Sbano, al civico 37 davanti ad un negozio ivi ubicato erano stati esplosi alcuni colpi di arma da fuoco; dopo poco giungeva la segnalazione che presso il Pronto Soccorso dell’Ospedale Riuniti di Foggia era giunta una persona che presentava delle ferite multiple da arma da fuoco ad entrambi gli arti inferiori. La persona ferita di anni 20 ed incensurata  risultava attinta ad entrambe le caviglie da vari colpi di arma da fuoco. La versione fornita dalla  vittima risultava essere totalmente fuorviante e per nulla collaborativa. Le immediate indagini svolte dagli Agenti della Polizia di Stato della Squadra Mobile della Questura di Foggia, protratte per tutta la notte consentivano di canalizzare l’attenzione su  Leonardo Ciavarella classe 1995, di Foggia, sorvegliato speciale con obbligo di soggiorno, con vari precedenti di Polizia. L’acquisizione minuziosa  delle immagini registrate dalle telecamere posizionate nelle immediate vicinanze del luogo ove era avvenuto l’agguato consentivano di accertare che Ciavarella, giunto a viso scoperto, nei pressi dell’esercizio commerciale, impugnando una pistola affrontava la vittima che era all’esterno del negozio e le  esplodeva contro in sequenza vari colpi di arma da fuoco ferendola ad entrambi gli arti inferiori, allontanandosi immediatamente dopo. Sul luogo del ferimento venivano repertati un bossolo calibro 6.35 ed un’ogiva. Si appurava altresì che subito dopo il ferimento, la persona attinta veniva accompagnata da un conoscente a bordo della sua autovettura in Ospedale. Veniva pertanto avviata un’intensa attività di ricerca del Ciavarella rintracciato nei pressi di un immobile situato in via San Pietro, ove veniva altresì rinvenuta a seguito di accurata perquisizione, la pistola  calibro 6.35, con caricatore vuoto, matricola abrasa  utilizzata per consumare il grave delitto. Sulla base di quanto emerso il Ciavarella veniva tratto in arresto per il reato di tentato omicidio e porto illegale di arma da sparo clandestina e condotto presso la locale Casa Circondariale a disposizione della Procura della Repubblica di Foggia. Sono in corso ulteriori approfondimenti per accertare la natura del movente.

Condividi sui Social!