Diffamazione&denunce, Tasso replica a Bordo: “Perchè festeggi?”

“Non capisco cosa abbia da festeggiare il collega Michele Bordo, dal momento che la Archiviazione, così come richiesta dal pubblico ministero “ex art. 131 bis”, comporta un fatto oggettivo: “Il reato di diffamazione è stato commesso”, solo che – ritenendolo di non di grave entità – ne è stata disposta l’archiviazione, con tutte le procedure e le conseguenze del caso, compresa la possibilità di continuare l’azione ad altri livelli”. Commenta così il deputato Antonio Tasso la notizia dell’archiviazione della denuncia per diffamazione che aveva presentato nei confronti di Michele Bordo (PD).

Durante la scorsa campagna elettorale, difatti, il dem aveva definito il suo avversario come “uno che di mestiere trucca le playstation e vende cd falsi”. Bordo, incassata l’archiviazione, ha esultato per il risultato. Più cauto, invece, il manfredoniano Tasso (che a marzo 2018 lo aveva battuto nel collegio Cerignola-Manfredonia): “Per far comprendere per cosa esulta Bordo è utile sapere che: – A seguito della querela per diffamazione, il Pubblico Ministero inoltrò richiesta di archiviazione del procedimento ex 131 bis del c.p. L’art. 131 bis esclude la punibilità per reati che abbiano un grado di offensività “particolarmente tenue”. Quindi il reato c’è, non è grave, ma c’è. Bordo, tramite il suo legale, presenta opposizione all’Archiviazione ex art. 131 bis (che, di fatto, come già detto, non cancella il reato, ma lo rende non punibile, perché “lieve”).  Bene, il Giudice che ha redatto l’Ordinanza di Archiviazione ex art.131 bis (sbagliando anche qualche data che mi riguarda, ma vabbè) decide di accogliere la richiesta del Pubblico Ministero, non potendo cambiarla nel merito”, commenta Tasso.

Dunque – è questo il ragionamento dell’ex pentastellato che proprio a causa delle osservazioni di Bordo è dovuto passare al gruppo misto MAIE (Movimento associativo italiano all’estero)- il reato c’è, seppur lieve. “Cosa c’è da festeggiare?”, chiede.

Michele Cirulli

 

 

 

 

Condividi sui Social!