Caos Foggia Calcio: esonerato Padalino. Ora Grassadonia o Rossi?

Il derby e la sconfitta di Lecce portano lo scompiglio in casa Foggia. Dopo la settimana complicatissima che ha confermato le difficoltà economico-finanziarie della proprietà che entro il prossimo 18 marzo è chiamata a corrispondere gli stipendi e ad ottemperare agli obblighi con la Lega, ieri notte si sono registrati tre gravi episodi vandalici che restituiscono il clima di intimidazione che si respira attorno alla formazione rossonera in queste ore. Prima l’incendio doloso dell’auto di Iemmello, quindi l’ordigno dinamitardo fatto esplodere nei pressi dello stabilimento Tamma di proprietà dei fratelli Sannella. Infine la denuncia di Busellato, espulso a Lecce, e che nella notte si è presentato dai Carabinieri per denunciare lo scoppio di un ordigno nel giardino della sua abitazione. Mentre sono in corso gli accertamenti del caso, ad ora di pranzo è giunta la notizia ufgiciale peraltro nell’aria, dell’esonero di Pasquale Padalino, che non è più quindi l’allenatore del Foggia. Possibile a questo punto il ritorno in sella di Grassadonia, sollevato dall’incarico nello scorso novembre. Ma sondaggi sarebbero in corso anche per convincere Delio Rossi. Ad horas si attende un comunicato ufficiale del club che, nel prendere le distanze dai gravi episodi verificatisi nelle ultime ore, dovrebbe chiarire anche la posizione ufficiale della Società. Rumors incontrollati parlano della volontà dei vertici societari di non avere alcuna intenzione di mollare. E pochi minuti fa è arrivata una nota con cui “la società Foggia Calcio e la Famiglia Sannella esprimono tutto il proprio sdegno per i vili attentati subiti nella notte di ieri. Comportamenti meschini che nulla hanno a che vedere con il Calcio e con il tifo, ed il cui unico risultato è stato quello di infangare  l’immagine di una intera comunità. Sono sotto gli occhi di tutti gli enormi sforzi economici fatti dalla Famiglia Sannella per sostenere questa Città e la sua squadra. Sforzi che non possono essere certo ignorati per le difficoltà del momento, al cui superamento la famiglia Sannella è quotidianamente impegnata con la passione e l’impegno di sempre. Da qui l’invito ai tifosi, quelli veri, a stringersi ora più che mai intorno alla squadra e ai suoi colori, certi che, remando dalla stessa parte, riusciremo a non darla vinta a chi ieri ha provato a farci del male”.
Pino Autunno

Condividi sui Social!