Al via il Giro d’Italia, giovedì tappa sul Gargano nella terra di Padre Pio

Sarà la tappa più a sud della 102^ edizione del Giro d’Italia, la Cassino-San Giovanni Rotondo di 233 chilometri. Sarà anche una delle più lunghe e impegnative con un gran premio della montagna a pochi chilometri dal traguardo. Il Giro torna sul Gargano dopo la tappa di Peschici nel 2017, e San Giovanni Rotondo sarà sede di tappa per la prima volta in assoluto.

Per il commissario tecnico della nazionale di ciclismo,Davide Cassani, è una una delle tappe più belle del Giro 2019. “E’ una tappa particolare con una salita nel finale che potrebbe determinare lo scatto per l’allungo decisivo. Chi vincerà il Giro? Mi auguro un Italiano, ma gari Nibali, anche se la pattuglia degli stranieri è molto agguerrita. Per San Giovanni Rotondo e per la Puglia in generale questo è un evento che va oltre l’aspetto sportivo. L’anno scorso si partì da un luogo sacro come la Terra Santa, questa volta si arriva in un’altra località religiosa come il Gargano. E poi nella terra di Padre Pio sarà ancora più bello”. Già, Padre Pio. Il frate cappuccino diventato santo, e che ha sempre amato lo sport e il ciclismo in particolare, grande tifoso di Fausto Coppi che nella primavera del 1959 si recò sul Gargano per incontrare e salutare Padre Pio, qualche anno dopo lo imitò Gino Bartali. Tra l’altro, Padre Pio, rappresenta con Leonardo Da Vinci, Fausto Coppi e Indro Montanelli, una delle figure di riferimento dell’edizione 2019 del Giro d’Italia.

Saverio Serlenga

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Condividi sui Social!