Dentro la notizia
04 apr 2013
dalla rubrica: News

Comune Foggia, scatta il totovicesindaco. Pd: “Sia politico”

E’ a un punto di non ritorno l’aspra polemica ingaggiata nel palazzo tra il Partito Socialista ed il sindaco di Foggia Gianni Mongelli in una resa dei conti tutta mediatica che ha già mietuto prima vittima: il vicesindaco Federico Iuppa che, come annunciato al tgblu, si è dimesso da amministratore. Nel pomeriggio di ieri il colloquio col sindaco Mongelli, che ha accolto, com’era prevedibile le dimissioni del suo secondo. Perché la questione va oltre questa volta ed attiene la sfera personale e politica di Iuppa, che prima di dimettersi da vicesindaco ha lasciato il partito di Lello Di Gioia in cui da tempo viveva un disagio crescente, in rotta con un gruppo consiliare che deciderebbe, si sfoga, il bello ed il cattivo tempo tenendolo all’angolo. Iuppa dunque lascia anche per mettere il sindaco al riparo da eventuali riverberi amministrativi della tensione crescente col PSI, con cui la frattura si è fatta profondissima, irreparabile.  Naturale attendersi il ritiro della pattuglia socialista dalla coalizione di centrosinistra, già prima del consiglio comunale, convocato per il 9 aprile. Mentre nell’entourage del primo cittadino è partita la conta della maggioranza per recidere i rapporti coi socialisti. Intanto Mongelli fa sapere che la fuoriuscita di Iuppa non prevederà altri ingressi. La giunta resterà uguale. Anche se l’accorpamento di  deleghe ghiotte fino a ieri in quota al PSI, come lo Sportello Attività produttive hanno già scaldato i motori di assessori e partiti.

Nel pomeriggio il segretario del PD, Mariano Rauseo, ha visto il sindaco:" la vicesindacatura, sostiene, deve restar politica", dopo il tam tam di voci che vogliono in pole il tecnico Pippo Cavaliere. Ma se scendono le quotazioni del piddino Pasquale Russo ( il Pd siede già alla presidenza del consiglio) salgono quelle dell’Udcap e il nome politico in questo caso è quello di Nando Frattulino. Ci sarebbe anche Centro Demcratico, con Pasquale Pellegrino, ma un’eventuale scelta dell’assessore ai servizi sociali non sarebbe perdonata dall’Udcap a Mongelli che, alla fine, potrebbe scegliere proprio un nome sua diretta espressione. E chiudere, sul nascere, le polemiche.

Intanto il sindaco ha convocato per domani una conferenza stampa per illustrare gli effetti finanziari e gestionali della riorganizzazione delle società di proprietà comunale Amgas SpA e Ataf SpA. Saranno presenti gli amministratori delle società Massimo Dicecca (Ataf SpA) e Massimo Russo (Amgas SpA).

Giovanna Greco